contatore

Disturbi del comportamento alimentare

disturbi del comportamento alimentare (abbreviato DCA), o disturbi alimentari psicogeni, (DAP) sono un modo per comunicare sofferenze quali lutti, abbandoni, abusi e maltrattamenti spesso in età precoce.
Dunque rappresentano una modalità di esprimere il dolore conseguito a fatti traumatici ed in quanto tali candidati ideali al trattamento terapeutico con la tecnica dell’EMDR.
Pensare in modo ossessivo al “cibo-corpo-peso” diventa un anestetico che permette di non sentire tale sofferenza. Questi comportamenti si inscrivono nella tipologia dell’auto-medicamento/cura.
Ovvero divengono un modo per sopravvivere.
Secondo una statistica recente in Italia sono oltre 3 milioni le persone che a soffrono di DCA, di cui è significativo segnalare, ai fini di una corretta valutazione terapeutica, che oltre l’ 80% hanno subito abusi e maltrattamenti. Nell’ 85% dei casi si tratta di donne adulte, adolescenti e bambine. Negli ultimi anni il fenomeno riguarda anche gli uomini (circa il 20%). Questi disturbi non devono essere scambiati per malattie dell’appetito. Sono disagi psicologici profondi, “malattie dell’amore”. L’ approccio nutrizionale non  permette di elaborare le autentiche cause di questa grave patologia che copre una disperata fame d’amore.
L’anoressia e la bulimia sono la più grave forma di dipendenza che esista nonostante siano ancora sommerse.

disturbi comportamento alimentare